Thursday 20 February 2020
Prima Pagina

Il tetto

Una stretta sulla durata delle indagini preliminari e una diversificazione dei tempi in relazione alla gravità dei reati trattati. La riforma del processo penale prevede che solamente per le inchieste che riguardano reati gravi sia possibile raggiungere il tetto dei due anni. Si tratta dei procedimenti su mafia, terrorismo, stragi, omicidio e violenza sessuale. Per svolgere le indagini che riguardano reati bagatellari - cioè quelli di minima lesività e che, avendo minore rilevanza sociale, possono essere repressi con sanzioni più lievi - il tempo massimo è un anno.


Per continuare a leggere l'articolo, l'edizione del Messaggero dalla mezzanotte e tutte le edizioni del giornale, attiva subito la promozione.

Leggi Subito