Monday 16 December 2019
Prima Pagina

Il premier cerca aiuto in Europa e dà mandato a Gualtieri: ottieni garanzie sull'Unione bancaria

IL RETROSCENA
ROMA «Con Salvini dovevo essere duro e lo sono stato. Con Di Maio sono stato compunto». Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte raggiunge il Senato dopo aver difeso alla Camera il lavoro fatto dai suoi governi sulla riforma del Meccanismo europeo di stabilità detto salva-Stati.
I RISCHI
Nell'attacco forsennato al suo ex ministro dell'Interno, che lo aveva accusato di nascondere le carte e di aver mentito, Conte dimentica il leader 5S.

Per continuare a leggere l'articolo, l'edizione del Messaggero dalla mezzanotte e tutte le edizioni del giornale, attiva subito la promozione.

Leggi Subito